Totani e fagioli

Una ricetta buonissima passata da Mario Cavazzuti, che quando si mette in cucina la sa lunga.

Ingredienti per 6 persone

  • 1 kg di totani
  • 1 kg di fagioli borlotti freschi (il peso comprende i baccelli)
  • Alloro, salvia, rosmarino, maggiorana, aglio, peperoncino, olio extravergine d’oliva
  • 1/2 bicchiere di vino bianco

Togliere i fagioli borlotti freschi dal loro baccello. Coprire i fagioli con l’acqua e farli sobbollire a fuoco basso con l’aggiunta di aromi, rosmarino, salvia e alloro, fino a 3/4 di cottura.

Trasferire i fagioli con la loro acqua in un recipiente e togliere i residui degli aromi.

Nella stessa pentola dove sono stati bolliti i fagioli, fare saltare i totani, precedentemente tagliuzzati a pezzettini, con uno spicchio d’aglio, farli rosolare per qualche minuto, aggiungere il vino bianco e far evaporare a fiamma vivace.

Aggiungere solo l’acqua dei fagioli, mettere il coperchio e lasciare lavorare i totani a fuoco medio per circa 40 minuti.

Aggiungere i fagioli, aromatizzare con maggiorana, mettere il coperchio e cuocere per circa 20 minuti.

Spegnere il fuoco, aggiungere il peperoncino e lasciare intiepidire il tutto. Volendo si possono aggiungere nel piatto, quando si servono, dei crostini sfregati con l’aglio, che assorbono il sughetto denso.

Rösti

Ingredienti per 2 persone

  • 2 grosse patate vecchie (non devono essere troppo succose)
  • rosmarino, olio extra vergine di oliva, sale

Sbucciare le due patate e grattugiarle con la grattugia grossa tipo Bircher, quella con i buchi grandi, per intenderci.

In una ampia padella antiaderente mettere a scaldare un cucchiaio da minestra di olio. Quando è caldo mettere le patate grattugiate nella padella e schiacciarle delicatamente in modo da formare una specie di frittata. Aggiungere un po’ di rosmarino.

Abbassare il fuoco, coprire con un coperchio e cuocere per circa 10-15 minuti da una parte. Poi girare la Rösti e continuare a cuocere sull’altro lato per altri 10-15 minuti dall’altra parte. La superficie deve diventare croccante, ma non bruciata. Quando è cotta salare e servire calda.

En guata!

Grattugia

Zuppa di zucca e yogurt

Ingredienti per 4 persone

  • 600 gr di zucca
  • Yogurt naturale intero (vaccino oppure di bufala)
  • Prezzemolo
  • Aglio, Rosmarino, Olio di oliva extravergine

Tagliare la zucca a pezzetti non più spessi di un centimetro.
Tritare il prezzemolo. In una pentola con fondo spesso scaldare lievemente il prezzemolo con due spicchi di aglio, quando comincia a profumare abbassare il fuoco al minimo, aggiungere un cucchiaio di olio di oliva, i rosmarino, girare brevemente e poi aggiungere i pezzi di zucca, salare.
Aumentare il fuoco e girare per due minuti. Aggiungere un mestolo di acqua calda, coprire e lasciare cuocere a fuoco lento per 20 minuti. Quando i pezzi di zucca saranno morbidi, spegnere il fuoco e lasciare raffreddare per 15-20 minuti.
Togliere gli spicchi d’aglio e frullare il tutto nel frullatore, finché non avrete una zuppa cremosa. Saldare prima di servire, versare con il mestolo in una ciotola per ciascuna porzioni, versare al centro un mezzo cucchiaio di yogurt, usare un coltello per tirare le strisce a forma di stella per decorare la zuppa.

Spaghettoni fave, bottarga e pecorino

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 grammi di spaghetti
  • 300 gr fave fresche sbucciate (circa 2 kg di fave intere)
  • Bottarga
  • Pecorino stagionato
  • 1 limone non trattato di Amalfi
  • Olio extra vergine di oliva
  • Prezzemolo (un ciuffetto)
  • Aglio (uno spicchio)

Lavare i semi di fava, se sono grossi togliere la scorza.
Tritare il prezzemolo. In una padella spaziosa scaldare lentamente il prezzemolo tritato e uno spicchio di aglio fino a che comincia ad emanare il suo profumo. Spegnere il fuoco ed aggiungere un cucchiaio di olio, mischiare con il mestolo di legno. Aggiungere le fave e riaccendere il fuoco.

Quando cominciano leggermente a sfrigolare salare e aggiungere un mestolo di acqua e cuocere a fuoco lento per circa 10-15 minuti finché la fava si ammorbidisce. Spegnere il fuoco.
Mettere a bollire gli spaghetti in una pentola con abbondante acqua salata. Grattugiare 50 gr di pecorino stagionato e tenerlo pronto in una ciotola. Quando la pasta sarà ancora molto al dente, tenere una tazza di acqua di bollitura, scolare e mettere gli spaghetti nella padella con le fave. Riaccendere a fuoco forte. Rimestando e aggiungendo acqua di bollitura se necessario, grattugiare la scorza del limone (solo il giallo!) e aggiungere una spruzzatina di succo. Aggiungere il pecorino sempre rimestando. Infine grattugiare la bottarga direttamente nella padello, senza eccedere. Assicurarsi che in fondo della padella ci sia sempre un po’ di acqua di cottura.
Servire in piatti fondi offrendo una ulteriore grattata di bottarga secondo i gusti.

1 maggio 2016

Kakavia – Zuppa del pescatore greco

Una ottima ricetta per cucinare filetti di cernia o di coccio, rivelata da una amica greca durante una piacevole cena in una bella villa positanese.
Ingredienti per 4 persone:

  • 600 gr di coccio o di cernia, sfilettato e tagliato a pezzi (circa 4 cm.) . Si possono utilizzare anche filetti di cernia invece del pesce intero
  • 500 gr patate sbucciate e tagliate a cubetti
  • Una costina di sedano
  • ½ cipolla bianca
  • Aglio, prezzemolo, capperi sotto sale
  • Olio extra vergine di oliva
  • Limone
  • Farina tipo 0

Tritare il sedano, il prezzemolo, la cipolla, uno spicchio d’aglio, i capperi, soffriggere a secco lievemente in una pentola capiente, poi togliere dalla fiamma a aggiungere un po’ di olio.

Aggiungere 1 litro di acqua, i pezzi di patate e qualche scarto del pesce, possibilmente racchiuso in una garza per poterlo levare alla fine, salare e bollire per circa 30 minuti.
Separatamente preparare in una ciotola due cucchiai di olio, ½ limone spremuto, ½ cucchiaio di farina, pepe e amalgamare con una forchetta.
Aggiungere i pezzi di pesce nella pentola e spegnere dopo 4 minuti.
Aggiungere il contenuto della ciotola e un po’ di prezzemolo tritato.
Kalí órexi!

08 ottobre 2017